Gurrieri Associati - Studio di Architettura

Quest sito richiede l'utilizzo di Javascript. Permetti al tuo browser di utilizzare js attivando la funzione dalle preferenze del tuo browser.
committente
Comune di Fiesole
incarico
Restauro, recupero ad uso turistico e realizzazione di spazi espositivi
collaborazioni
Arch. Giulia Cellie
Arch. Ludovica Nardella
Studio Lombardini Eng.
Ing. Luigi Michelozzi
Ing. Manuele Petranelli
Ing. Riccardo Papi
Arch. Lorenzo Magni
note
Edificio tutelato ai sensi
del D. Lgs. 22/01/2004, n. 42
Firenze (1995-1996)

con Maurizio De Vita

Casa Marchini Carrozza, risale ai primissimi anni del Novecento: fu la ditta Marchini a volere la realizzazione di un fabbricato “ad uso di esposizione di lavori in paglia”. II recupero di questa interessante esempio di “Novecento Toscano” č stato un'occasione per realizzare un Centro servizi per il turismo, una saletta proiezioni di materiale audiovisivo ed uno spazio altamente qualificato da destinare ad esposizioni e conferenze, il tutto legato ed integrato con le strutture dell'adiacente area archeologica del Teatro Romano. In primo luogo, intervenire su questo edificio ha significato riflettere sulle caratteristiche materiche e formali del manufatto e ricomporne il senso, in parte attenuato dal degrado e dalle trasformazioni. Alla base del progetto vi č stata l'intenzione di valorizzare quel carattere che, nonostante le piccole trasformazioni e manomissioni dell'apparato originario, si e conservato nel tempo: l'inclusivitą che lega fra loro le diverse parti e gli elementi architettonici in un disegno coerente e continuo di spazi d'uso, immediatamente leggibili dall'interno e dall'esterno. Tale rilegatura del manufatto in passato era affidata ai motivi architettonici ed ai decori nella loro composizione, nelle tonalitą tenui e nella ripetitivitą dei temi cromatici a motivi floreali. Queste considerazioni, le indagini storiche ed i saggi pittorici, le scelte operate nel sostituire o integrare quanto appariva degradato o perduto, hanno condotto il progetto di restauro verso la ricomposizione e la reinclusione degli elementi in un nuovo quadro unitario che, con gli strumenti del restauro, doveva introdurre Casa Marchini Carrozza ad una nuova vita, con un nuovo e sofisticato apparato tecnologico. Oggi l'edificio costituisce un importante e frequentatissimo “Centro di accoglienza e informazione” assai gradito dai numerosi turisti, oltre che piccolo auditorium per eventi promossi dall'Amministrazione Comunale.
© Studio Gurrieri Associati